27 febbraio 2007

Le 12 Frodi del Brodi: la famiglia
Domani si voterà la fiducia al governo delle Frodi.
Dopo il rientro dei dissidenti e l'acquisto di Follini nulla più fermerà la coalizione della nuova alleanza.

Messo da parte il vecchio programma, le nuove direttive segnano un cambiamento di rotta radicale della politica dell'Unione riguardo a diverse problematiche: politica estera, diritti dei conviventi, riforma delle pensioni e riforma del lavoro.
Ma di questo abbiamo già parlato a sufficienza.

Tra 12 comandamenti ce n'è uno che stride in maniera molto evidente con la politica portata avanti dal Brodi fino a questo momento.
E' il comandamento che riguarda la famiglia:
«Rilancio delle politiche a sostegno della famiglia attraverso l'estensione universale di assegni familiari più corposi e un piano concreto di aumento significativo degli asili nido».

E' davvero singolare che l'invito a "sostenere" le famiglie arrivi da chi, con l'ultima finanziaria (la Finanziaria delle Frodi 2007), le ha sommerse con tasse e balzelli.
Non vogliamo accusare Frodi, Padoa-Schiappa, Bertinotti, il Pecoraro e gli altri leader della sinistra di ipocrisia, ma vogliamo incoraggiarli nella loro azione di "riparazione" dei danni fin qui
prodotti.
Se anche per quanto riguarda le problematiche della famiglia l'Unione ha deciso di fare dietrofront non può che fare piacere.

Ecco un articolo che descrive alcune delle ingiustizie previste dalla Finanziaria nei confronti delle famiglie:
<<... Secondo un dossier pubblicato ieri dal Sole 24 Ore, sono soprattutto le famiglie numerose a subire la maggiore penalizzazione delle addizionali comunali e regionali all'Irpef previste dalla Finanziaria 2007. Il caso preso in esame è quello della famiglia con coniuge e figli (numero variabile da 1 a 3) a carico. A Torino il capofamiglia con moglie e tre figli a carico e reddito di 20mila euro annui lordi pagherà 221 euro di addizionali in più. Se si dichiarano 40mila euro nelle stesse condizioni l'aggravio è di 209 euro. Idem per Napoli dove un cittadino con moglie e 2 figli a carico e reddito di 20mila euro pagherà 147 euro in più rispetto al 2006, cifra che scende a 103 euro se i guadagni salgono a 40mila euro. Questa situazione è il combinato disposto di due fenomeni distinti. Il primo è il passaggio dal sistema delle deduzioni a quello delle detrazioni. Con la Finanziaria 2006 l'avere familiari a carico determinava un abbattimento dell'imponibile, da quest'anno si è tornati al vecchio sistema con un sistema di detrazioni sull'imposta che in questo modo aumenta colpendo soprattutto i redditi più bassi. In secondo luogo, la possibilità per i Comuni di aumentare le addizionali per finanziare i tagli dei trasferimenti. Il cocktail, conclude il Sole, è esplosivo: se l'addizionale resta invariata, come a Napoli, gli aumenti si concentrano sui meno abbienti. Se viene aumentata, come a Torino, si sommano i rincari dovuti alle nuove percentuali e e nuove modalità di calcolo dell'imposta (i nuovi scaglioni; ndr). ...>>
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=158204

SìGlobal

2 Comments:

Anonymous Francy said...

Follini... traditore! Che schifo!
E che delusione! Ma comunque dureranno poco.
Ciao bello come stai? Che combini?
Bacio
Francy

4:25 PM  
Blogger siglobal said...

Ciao Fra' :-)
tutto bene grazie
Hanno fatto proprio la figura dei cioccolatai.
Da uno come Follini non mi aspettavo niente di diverso è un quaquaraquà.
Hai mai letto "Il banchiere dei poveri"? E' un libro molto interessante del proprio nobel Muhammad Yunus. Parla del microcredito e delle opportunità che offre a tantissima gente nei paesi più poveri del mondo. Appena potrò scriverò un post a proposito.
http://www.zhora.it/Yunus.htm

a presto

SìGlobal

2:47 PM  

Posta un commento

<< Home