19 maggio 2008

Le mie proposte
Il vero “tesoretto” sono i rifiuti
Lettera aperta al ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo
Onorevole Ministro,
la triste emergenza dei rifiuti che si è presentata in Campania ha portato alla ribalta la problematica dello smaltimento dei rifiuti che in Italia non è mai stata affrontata in modo serio e deciso. Tutto ciò è accaduto perché lo smaltimento dei rifiuti è stato visto come un problema noiso e fastidioso e non come una opportunità di crescita, di sviluppo e di occupazione.

Il governo Berlusconi sembra intenzionato a realizzare un certo numero di termovalorizzatori di ultima generazione che non immettano nell'ambiente sostanze nocive e producano anche energia elettrica.
uesta è sicuramente una cosa buona, ma non basta.
Il vero modo per "valorizzare" i rifiuti è quello di riciclarli.
I rifiuti dovrebbero essere visti come una risorsa che molte industrie potrebbero sfruttare come "materia prima" a basso costo.
In Italia il numero di società che lavora nel settore ambientale e si occupa di riciclaggio è sempre maggiore e produce sempre più profitti ed occupazione. Incentivare la nascita di nuove società e la crescita e lo sviluppo di quelle esistenti, con un opportuno intervento legislativo, porterebbe numerosi vantaggi alle istituzioni, ai cittadini e all'ambiente.

Cosa dovrebbe fare il legislatore dare una scossa a questo settore?
Prima di tutto "obbligare" i comuni ad effettuare la raccolta differenziata.
  1. Si potrebbe vietare a tutti i comuni che non effettuano una adeguata raccolta differenziata la riscossione della tassa sui rifiuti. Mi sembra una idea semplice ed efficace, credo che l'impossibilità di riscuotere una tassa porterebbe molte amministrazioni ad attuare la raccolta differenziata.
  2. Si potrebbero premiare, con maggiori finanziamenti da parte dello Stato, le amministrazioni che raggiungono una percentuale di raccolta differenziata molto alta.
  3. Si potrebbe addirittura pensare di commissariare i comuni totalmente inadempienti.
Mi sembra che le possibilità di intervento siano tante, sicuramente lei ha a disposizione dei consulenti che sapranno consigliarle le misure e gli incentivi più efficaci.

I comuni però, dopo essere stati "costretti" a raccogliere i rifiuti in maniera differenziata, dovrebbero essere messsi in condizione di poterli gestire in modo opportuno.
Se ci fosse un elenco nazionale, magari consultabile online, di tutte le aziende italiane e straniere che si occupano di riciclaggio, gli amministratori potrebbero contattarle direttamente e offrire loro la "materia prima" raccolta.
Ovviamente le aziende italiane inserite in questo elenco dovrebbero essere periodicamente controllate dalla Finanza per garantire che utilizzino in modo corretto questa "materia prima", che rispettino l'ambiente e non siano pericolose per gli bitanti della zona.

Chiedo scusa per essermi dilungato troppo.
Queste sono idee semplici, forse banali, che hanno il solo scopo di manifestarle il desiderio dei cittadini italiani che finalmente si passi dalle parole ai fatti e che finalmente si faccia qualcosa di concreto per il nostro Paese.

Distinti Saluti

7 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Questa poi !!!

Ma dico, che ti danno da fumare i tuoi capi ??

Ma veramente credi che gli italiani siano così tonti da credere a questa marea di sciocchezze ??

Adesso salta fuori che non è stato mai fatto niente per NOIA e per FASTIDIO !!!

PER NOIA E PER FASTIDIO !!

Meriteresti di essere frustato in piazza per la tua stupidità nel credere che noi si possa anche in minima parte bere siffatte cazzate.

I SOLDI caro amico, i soldi sono l'unico fattore comune, quelli che sono spariti in 10 anni di commissariamenti e quelli che spariranno con la costruzione di 10 nuovi INCENERITORI.

La camorra tiene i tuoi capetti per i coglioni, non sono loro il governo, è la malavita organizzata ormai.

Te l'ho già detto, SVEGLIATI.

5:55 PM  
Anonymous Anonimo said...

Dici: "La camorra tiene i tuoi capetti per i coglioni, non sono loro il governo, è la malavita organizzata ormai. Te l'ho già detto, SVEGLIATI."


Strano che tu dica queste cose.
Mi sembra che sia la sinistra a governare la campania da più di 15 ANNI.
Mi era sembrato di leggere i nomi del Bassolino e della Iervolino tra i "soci fondatori" del PD (Partito Delle frodi).

sig.

8:18 PM  
Anonymous Anonimo said...

PURTROPPO I KOMUNISTI HANNO RIDOTTO L'ITALIA A UNA SPAZZATURA! BISOGNA RICOSTRUIRE UNA ITALIA NUOVA, PULITA, ONESTA, SENZA KOMUNISTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!

8:28 PM  
Anonymous Anonimo said...

Bene, adesso c'è Berlusconi che comanda. Diamogli 6 mesi per ripulire napoli. bastano 6 mesi ?
Se in questo tempo riesce io mi rimangio tutto, se non riesce TI DEVI ANDARE A NASCONDERE.

1:17 AM  
Anonymous Anonimo said...

2001 - 2005 ??

Cervello in vacanza o il cavaliere è stato frainteso di nuovo ??

Non puoi cavartela così, rispondi a questa domanda.

il governo di destra, visto che è più bravo dei bastardi comunisti, come mai non ha mosso un dito dal 2001 al 2005?

Non che i sinistri siano migliori, anzi sono uguali.... i soldi non hanno colore nè odore...

1:32 AM  
Anonymous Anonimo said...

Il governo di centrodestra e il commissario Bertolaso avevano dato il via a un programma per la soluzione del problema che prevedeva, tra le altre cose, la realizzazione dei termovalorizzatori necessari a smaltire i rifiuti.
Il governo Prodi e il Pecorina Scanio ha costretto Bertolaso a dimettersi e hanno bloccato la realizzazione dei termovalorizzatori.

Le responsabilità principali sono tuttavia da addebitare alle amministrazioni locali... quasi tutte di sinistra.

sig.

2:52 PM  
Anonymous kamidoos said...

Non capisco la vostra indignazione o il vostro stupore..
Adesso, in 2 o 3 giorni, costruiamo e apriamo termovalorizzatori che non inquinano ( prima dobbiamo trovare le tecnologie adatte, perchè quelli odierni sembrano inquinare, quindi mettiamoci 1 o 2 giorni in più), imprese che si occupano del riciclaggio e che creano un nuovo mercato, che indirettamente crea anche occupazione, ricchezza e quindi sicurezza.
Obblighiamo i comuni a farlo, così in 5 o 6 giorni tutta l'Italia è pronta.

Eppure è così facile.
Non capisco perchè adesso siamo in questa situazione, se era tutto così facile..

2:17 AM  

Posta un commento

<< Home